top of page

Successo di Vannacci a Reggio Emilia

Nella lussuosa Sala del Capitano dello storico "Hotel Posta", Roberto Vannacci ha presentato la sua ultima opera letteraria "Il Coraggio Vince. Vita e valori di un generale incursore". Ad ascoltare c'era quella maggioranza silenziosa che solitamente tace e che si riconosce nei valori e nei principi esposti nel famosissimo libro divenuto un best seller "Il Mondo al Contrario". Fuori, invece, quasi ad avvalorare le tesi del generale sulla dittatura delle minoranze, I rappresentanti del centro sociale Lab Aq16, uniti all’associazione di femministe Non una di Meno - in tutto una trentina di persone - hanno contestato la presenza del generale. Alcuni di loro hanno esibito uno striscione “Nessuno spazio per l’odio, città meticce e queer” che, purtroppo per loro, lo avranno letto soltanto gli operatori delle Forze dell'Ordine perché a quell'ora in città non c'era un'anima viva. Sarebbe stato meglio che i contestatori, invece di rimanere fuori esposti all'umida brezza notturna, fossero entrati in sala per ascoltare passaggi come "le diversità vanno esaltate, perché sono il motore del mondo", purché non pretendano di rovesciarlo, aggiungiamo noi, dopo aver letto il suo primo libro..

Molto interessanti sono stati anche alcuni passaggi riguardanti la sua carriera militare passata in mezzo agli Incursori dell'Esercito italiano: sempre al massimo dell'operatività in teatri di guerra come la Somalia, il Ruanda, lo Yemen. la Costa d'Avorio, i Balcani, l'Iraq e, ovviamente, l'Afghanistan in cui avrebbe meritato la cittadinanza onoraria per esservi stato impegnato per ben quattro turnazioni.

Ad intervistare Vannacci il giornalista Pierluigi Ghiggini e lo scrittore Pier Francesco Grasselli.



26 commenti

26 Comments


Guest
Apr 10

Cari lettori,

Mi permetto di segnalarVi l'incontro/presentazione del 9 Aprile 2024 a Frascati organizzata dalla redazione di Argomenti

 https://www.facebook.com/argomentilavocedeicittadini/videos/305910185929713/

Forse, ad oggi, una delle migliori presentazioni nella quale sono stati trattati molti argomenti in maniera chiara e puntuale, alcuni nuovi attuali molto interessanti.

Sulla sua discesa in politica non ha ancora sciolto la riserva ma assicura che qualunque scelta farà (affiliarsi pragmaticamente con un partito esistente o, -in futuro- con un nuovo partito nascente o appena nato?) manterrà la sua identità.

Partendo dal presupposto di mantenere la propria identità (quindi non mascherare la realtà, non capovolgere il senso comune, non aderire al relativismo opportunista, non essere moralista ad intermittenza, aborrire l'ambientalismo ideologico, preservare la famiglia padre-madre per proteggere i figli dal nazismo farmaceutico…

Like
Guest
Apr 12
Replying to

Se il Generale si presentasse da solo in un partito/movimento o quello che vuoi tutto suo sarebbe veramente un sogno troppo bello e grande (come cantava qualche tempo fa il buon Ligabue)......accendiamo un cero e speriamo........

Like

Guest
Mar 29

Nessuno si pone il problema di un certo "christian raimo" povero comunista "insegnante pubblico" reietto, mezzo disabile, che a vederlo lo metteresti nel Cottolengo con la legge 104 personalizzata?

Costui insegna (si fa per dire) nella scuola pubblica e fa il tiffo per una italia completamente islamizzata sottomessa all'islam radicale e alle norme più scellerate dell'EURABIA frutto del piano Kalergi... Vorrebbe liberare la delinquente rossa cimice ilaria salis dopo quello che ha fatto dal giusto castingo ungherese per rivederla magari a "insegnare come lui" in qualche scuola pubblica che mette solo i brividi a pensare che vi siano insegnanti del genere nella scuola italiana, frutto ovviamente di quella dittatura marxista militante impostaci a suon di bombe "intellettuali" nella seconda guerra…

Like

Guest
Mar 22

Credo che la guerra mondiale sia già arrivata.. Non si tratta della terza come sostengono la stampa benpensante o il papa, bensì della "seconda parte" della seconda! Ovvero i nodi irrisolti della finta pace omologante degli accordi di Yalta (1945) che videro la spartizione della Terra in due blocchi contrapposti (comunismo e capitalismo) stanno venendo al pettine.... In sintesi, la Russia tradita e raggirata dal blocco occidentale ha finalmente capito la lezione e oggi incarna quei valori che dovrebbero piacere a chi ha stima del Generale, valori che presto o tardi "ci ri-insegnerà" affinchè anche noi occidentali potremo finalmente riappropriarci delle nostre radici giudaico cristiane perdute (e soffocate dalle sinistre).. Con Trump a Ponente e Putin a Levante, se riusciremo…

Like

Guest
Mar 22

Tutti questi "bravi" detrattori del Generale Vannacci si devono solo augurare, visto i tempi che corrono, che non arrivi una guerra mondiale. Vannacci ha una carriera di altissimo livello, un curriculum a mio avviso stellare. Solo personaggi del suo livello e caratura qualora si dovesse rendere necessario, potrebbero prendere le nostre difese. Grazie Generale Vannacci per quello che sta facendo, e per quello che farà in futuro. Lei si che è veramente una persona ONOREVOLE !

Like

Scusate alcuni errori ortografici ma ho scritto di getto e senza occhiali. Ahimè

Like
bottom of page